Perché alcuni fratelli diventano lontani e iniziano a competere l’uno con l’altro quando si sposano?

Il seme per la discordia dopo il matrimonio viene seminato nella famiglia stessa. Sì, la famiglia composta dai genitori e dai figli che sono fratelli. I fratelli sono chiamati così perché hanno gli stessi genitori. Quando i bambini sono giovani, accettano ciò che i genitori dicono come verità. In alcune case, i genitori non sono totalmente fedeli ai bambini e potrebbero essere parziali e i bambini per sopravvivere assumono un ruolo nella famiglia. Così, crescendo, i bambini vivono i ruoli definiti dai genitori. A volte, un ragazzo vittima di bullismo da parte di suo fratello viene trascurato dai genitori finché c’è pace in casa.

Questo tipo di ruoli viventi procede senza intoppi finché i bambini sono sposati. Finché i ruoli sono seguiti fedelmente, non ci sarà discordia tra i fratelli. Ma una volta che ognuno di loro si è sposato, ai coniugi dei bambini non piacerà il ruolo svolto dal marito nella famiglia nativa quando suo marito deve soddisfare le richieste insalubri dei suoi genitori e dei suoi fratelli. Ma i suoi fratelli lo vedono solo come la persona che sacrifica i suoi bisogni per loro e quando questo tipo di attività è limitato dalla moglie, avviene la discordia. Questo è il modo in cui i fratelli diventano discordanti.

I fratelli saranno uniti dopo che ognuno di loro si sposerà in una casa in cui tutti i fratelli sono cresciuti con lo stesso amore e imparzialità e i genitori sono totalmente amorevoli.

“Sistema matrimoniale” il responsabile dietro di esso.

Due fratelli non sposati non combattono mai.

Figlio e genitori non sposati non combattono mai.

Le sorelle non sposate non combattono mai.

Figlia e genitori non sposati non combattono mai.

PsHere fight significa “lotta di rivalità” non semplice lotta d’amore.

I fratelli sono praticamente in costante competizione, per quanto ne so. Come bambini, comunque. Ho tre sorelle e due fratelli. Da adulti non siamo esattamente vicini, ma certamente non gareggiamo o non ci odiamo più.